Amministrazione Trasparente

L’Associazione CREATE-NET “Center for REsearch And Telecommunication Experimentation for NETworked communities”, associazione senza fine di lucro, cui è stata riconosciuta personalità giuridica di diritto privato, è iscritta al n. 214 del Registro delle persone giuridiche private operante nell'ambito della Provincia Autonoma di Trento.

I dati, le informazioni e i documenti contenuti nella presente sezione, denominata “Amministrazione Trasparente”, sono pubblicati secondo quanto previsto dalla legge provinciale 30 maggio 2014, n.4 (Disposizioni riguardanti gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni e modificazione della legge provinciale 28 marzo 2013, n. 5) che rinvia, per quanto da quest’ultima specificatamente non disciplinato, al decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.

L’Associazione è ente controllato dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK) per il tramite dell’Accordo di Programma siglato con la Provincia autonoma di Trento.

L'Associazione assolve agli adempimenti relativi all'attuazione della normativa sulla trasparenza dal 1° gennaio 2016.

I dati, le informazioni e i documenti contenuti nella presente sezione sono strutturati come previsto dall’allegato 1 del decreto legislativo n. 33/2013 e dalla deliberazione ANAC n. 50/2013.

I dati personali pubblicati in questa sezione sono riutilizzabili esclusivamente alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e decreto legislativo 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati accolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.

Ai sensi dell’art. 2501 del Codice Civile, l’Associazione è attualmente coinvolta in un processo di fusione per incorporazione nella Fondazione Bruno Kessler, pertanto tutti gli obblighi in materia di trasparenza e anticorruzione, attualmente in capo all’Associazione Create-Net, con il 1 gennaio 2017 passeranno alla Fondazione Bruno Kessler.